Tuesday, 16 May 2017 back

Nuova "luce" in Medio Oriente, inaugurato SESAME

È stato inaugurato oggi in Giordania SESAME (Synchrotron-light for Experimental Science and Applications in the Middle East) un laboratorio internazionale multidisciplinare che vede la cooperazione di Autorità Nazionale Palestinese, Cipro, Egitto, Giordania, Iran, Israele, Pakistan e Turchia.

Realizzato sul modello europeo del CERN e sotto l'egida dell'UNESCO, SESAME si basa su una sorgente di luce di sincrotrone di terza generazione. La cerimonia si è svolta ad Allan alla presenza di re Abdallah II di Giordania, dei Membri di SESAME e anche dei paesi Osservatori, tra cui l’Italia, che ha dato un contributo notevole alla realizzazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) ed Elettra Sincrotrone Trieste. Il nostro paese è l’unico, fra gli Osservatori di SESAME, ad aver stanziato, attraverso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), un finanziamento ad hoc, gestito dall’INFN. Presente all'evento anche il Rettore del GSSI - Gran Sasso Science Institute Eugenio Coccia, in rappresentanza della SIF - Società Italiana di Fisica.


SESAME: a "Light" for Science and Cooperation in the Middle East

The city of Allan (Jordan) hosted today the opening ceremony of the SESAME Institute. The event was attended by King Abdullah II and scientists from all over the world. SESAME is a third-generation synchrotron light source which aims to become the Middle East's first major international research centre. Developed under the auspices of UNESCO, SESAME is a cooperative venture by scientists and governments of the Middle East regions and Europe set up on the model of CERN (European Organization for Nuclear Research). Italy contributed with a financial support from MIUR, managed by INFN. Eugenio Coccia, GSSI Rector, took part in the ceremony representing the Italian Physical Society SIF on behalf of the President Luisa Cifarelli.