Friday, 24 March 2017 back

Cerimonia di conferimento del Premio AVUS

Un concorso tra le migliori tesi di laurea in Italia sul tema della prevenzione sismica. È questa l’idea del Premio “AVUS 6 aprile 2009”, che vivrà la cerimonia di premiazione martedì 4 aprile 2017 alle ore 11.00 presso l’Aula Magna del GSSI – Gran Sasso Science Institute all’Aquila.

L’evento, inserito dal Comune dell’Aquila tra le iniziative di commemorazione per l’ottavo anniversario del sisma del 2009, si svolgerà alla presenza del Commissario Straordinario Ricostruzione Sisma 2016 Vasco Errani, del Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso e del Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente.

Il premio, giunto quest’anno alla sua IV edizione, nasce nel 2014 con lo scopo di onorare la memoria degli studenti universitari vittime del terremoto dell’Aquila.

“Furono 309 le vittime del sisma, 55 solo tra gli universitari”, ricorda Sergio Bianchi Presidente dell’Associazione Vittime Universitarie Sisma 6 aprile 2009, ideatore dell’iniziativa. “Onorare la loro memoria significa innanzitutto valorizzare e mettere a frutto il patrimonio di conoscenza sulla prevenzione sismica prodotto da giovani laureati, per evitare che tragedie del genere possano ripetersi”.

Dopo una collaborazione triennale con il Consiglio Nazionale dei Geologi, in questa edizione l’Associazione AVUS Vittime Universitarie Sisma 6 aprile 2009 è stata affiancata nell’organizzazione del premio dall’Università degli Studi dell’Aquila e dal Gran Sasso Science Institute. E per la prima volta il concorso si è aperto anche a contributi esterni all’ambito della geologia, per abbracciare ingegneria, economia e scienze sociali, come definito dal bando che recita: “Aspetti ingegneristici, sociali ed economici legati alla gestione del rischio sismico e alla resilienza delle popolazioni e dei territori”.

La composizione multidisciplinare della commissione giudicatrice – formata dal presidente Agreppino Valente (Presidente della Federazione Regionale degli Ordini degli Ingegneri d’Abruzzo), da Gianluca Ferrini (Professore di Geologia dell’Università degli Studi dell’Aquila) e da Alessandra Faggian (Professoressa di Economia del GSSI) – ha permesso di analizzare e valutare lavori di tesi provenienti da numerose università italiane e da diversi settori scientifici.

Il verdetto finale vede vincitori ex aequo della IV edizione Marco Zanini, laureato in Ingegneria Civile presso l’Università degli Studi di Padova con una tesi dal titolo Valutazione della sicurezza sismica con metodi di primo livello: gli edifici in linea, e Vincenzo D’Oriano, laureato in Geologia e Territorio presso l’Università degli Studi di Bologna con una tesi dal titolo Sfide alla geologia: le opere di Miozzi e Calatrava a Venezia. Il primo premio, consistente in un assegno del valore di 3000 euro, sarà ripartito ex aequo tra i due vincitori.

 

Programma della cerimonia

  • Indirizzi di saluto da parte della Rettrice dell’Università degli Studi dell’Aquila Paola Inverardi e del Rettore del Gran Sasso Science Institute Eugenio Coccia
  • Interventi delle autorità politico-territoriali
  • Intervento del Commissario Straordinario Ricostruzione Sisma 2016 Vasco Errani
  • Quesiti indirizzati al Commissario Errani da studenti universitari di diverse aree coinvolte da eventi sismici (Amatrice, Camerino, L'Aquila, Perugia, Teramo). Modera il giornalista Rai Umberto Braccili
  • Intervento di Sergio Bianchi, Presidente dell'Associazione AVUS, sulla storia e le finalità del Premio AVUS
  • Proclamazione dei vincitori della IV edizione del Premio AVUS e lettura delle motivazioni
  • Presentazione dei rispettivi lavori di tesi da parte dei due vincitori